Il Passo dello Stelvio e il Giro d’Italia..ancora una volta insieme. I laghi di Cancano protagonisti d’eccezione!

Senza categoria, Sport e ciclismo

E’ del 1953 la prima storica ascesa sul Passo dello Stelvio con un formidabile Fausto Coppi in prima posizione all’arrivo di Bormio. Il 2020 sarà la 15a volta che il Giro d’Italia passerà sullo Stelvio, circa una ventina le volte che si è visto il Giro in rosa passare o fare tappa a Bormio attraversando come alternativa il Passo Gavia.

E questa volta sarà un appuntamento imperdibile perché non solo Bormio ma anche la bellissima valle di Cancano sarà la protagonista del Giro d’Italia 2020. Protagonista d’eccezione visto che ospiterà addirittura il traguardo di tappa, esattamente la tappa 16a del 28 Maggio 2020 che vedrà i partecipanti sfidarsi su 209 km da Pinzolo fino appunto ai Laghi di Cancano in Valdidentro. Per chi non avesse mai avuto l’occasione di visitare i Laghi ecco alcune note storiche e qualche caratteristica tecnica per la salita in bike.

I laghi sono di origine artificiale per la produzione di energia elettrica alimentati dal fiume Adda. Per questo motivo è possibile visitare la maestosa diga costruita tra il 1953 ed il 1956, che sostituiva la diga più piccola del 1933. Si può ammirare anche la più piccola diga di San Giacomo che va a formare l’omonimo lago di San Giacomo. Specialmente la valle di San Giacomo è meta prediletta per gli escursionisti e le famiglie dato il suo valore estetico e naturalistico. Per raggiungere i Laghi di Cancano da Bormio si esce dal paese in direzione dello Stelvio per poi seguire invece le indicazioni in direzione di Livigno e all’altezza di una località chiamata Fior d’Alpe prendere la deviazione per Cancano. In alternativa seguire le indicazioni che portano al paese di Isolaccia e da lì imboccare la strada verso Cancano. Da segnalare che nei mesi di Luglio, Agosto e parte di Settembre è possibile l’accesso in auto solo previo pagamento di ticket ed il giro dei laghi è percorribile a piedi o solamente tramite navetta.

E’ proprio la salita fino alle Torri di Fraele che richiama la curiosità dei turisti e l’audacia dei ciclisti attraverso una suggestiva serie di tornanti che permettono una visione sulle cime e sulle valli circostanti. Il percorso in bici da strada è piuttosto accessibile anche ai neofiti. La pendenza massima è di 8.5. Sicuramente uno scenario magico per il finale di gara più atteso del 2020 da tutti gli amanti del Giro.

Si ringraziamo tutti coloro che tramite un grande lavoro di squadra ed in sinergia con gli enti locali hanno permesso la realizzazione di questo grande evento. In primis l’amministrazione comunale della Valdidentro, l’Ente Parco Nazionale dello Stelvio e la Regione Lombardia.

Let it snow

Senza categoria

Gli anziani e gli esperti di montagna, ovvero quelli che fiutano l’odore della neve a distanza di giorni lo sapevano già. Era scritto nelle antiche carte conservate in un antico baule di legno in uno storico palazzo di Bormio. Quelli che già d’estate cercano i funghi e quelli che spaccano le cipolle in due per contarne gli anelli lo dicevano da tempo. Quest’anno è anno di neve!
Ma tutti, da quelli più romantici che credono negli antichi detti popolari a quelli che si fidano di più della tecnologia e controllano weather-forecast quotidianamente;, tutti ma proprio tutti siamo felici e sollevati che quest’anno la neve scende copiosa e ricopra le nostre amate montagne.

E con la neve arrivano anche i grandi appuntamenti dell’inverno 2017/18 a Bormio, a cominciare dalla Coppa del mondo di sci il 28 e il 29 Dicembre.

L’attesissima Peak to Creek, gara amatoriale con un dislivello unico che parte da Bormio 3000 a Bormio paese. Una sfida divertente che decreterà i più veloci tra le categorie maschili, femminili e team che si cimentano con gli sci o con lo snowboard.

Tutti i venerdì a partire da gennaio dalle 20 alle 23 inoltre la pista Stelvio verrà illuminata per l’appuntamento serale. Il Gala dello sci. Però mi raccomando niente tacchi ed abiti eleganti. Dress code scarponi, sci e racchette con qualche lustrino se proprio volete brillare nella notte. La velocità sulla neve non è mai stata così elegante.

E tanti altri appuntamenti da scoprire a Bormio e dintorni nei prossimi mesi.

Lei la nostra protagonista. Let it snow, let it snow, let it snow!

Camminata botanica alla scoperta dei segreti tintori delle piante alpine

Senza categoria

Il 7 Luglio con gli amici dell’Associazione tintura naturale Maria Elda Salice di Milano abbiamo percorso il sentiero che porta fino alla fonte pliniana nel parco dei Bagni Vecchi di Bormio. Grazie ai preziosi racconti della botanica Federica Gironi abbiamo appreso qualche curiosità sulla flora locale. Il parco dei Bagni, proprio per il suo particolare microclima dovuto all’influenza delle vicine sorgenti termali, presenta una concentrazione di piante speciali dal punto di vista botanico ma anche tintorio. Ebbene si, anche le nostre piante alpine possiedono un particolare potere tintorio utile nella colorazione delle fibre naturali come lino e lana.

La prossima estate ripeteremo questo appuntamento accompagnandolo ad un vero e proprio laboratorio di tintura in cui vedremo il processo di estrazione del colorante dalla pianta e il procedimento di tintura sulle fibre. Chi fosse interessato può contattarci o tenersi informato tramite la nostra newsletter.

Ode al verde o maggio piovoso

Senza categoria

Il lato positivo della pioggia è il verde che ci regala la natura. Il verde che esplode è magnifico, se ne può sentire l’odore rigenerante dopo un acquazzone. Sentire la vita che nasce con l’acqua. E poi ancora l’odore del sottobosco e il contrasto tra il verde e l’azzurro intenso del cielo. Gli arcobaleni che appaiono e scompaiono qua è là per la gioia di grandi e piccini. E’ tornare all’infanzia quando si giocava a fare “splash” nelle pozzanghere con gli stivali di gomma colorati. Avere la scusa per perdere un pò di tempo a casa perchè fuori piove e tutte le attività si interrompono. anzichè perdere tempo, riprendere invece quel tempo per noi, con la nostra famiglia, qualche gioco da tavolo e una tazza di the, aspettando che torni il sole.